ITALIANO

New York
Chile

Italia Priapo

Benvenuti sul sito Pantheatre

Newsletter  per iscriversi clicca qui

FOTOS    www.myspace.com/itinerando

Festival Mito e Teatro

Roy Hart Paris -  formazion di profesore di voce Roy Hart

La maggior parte delle informazioni nel sito del Pantheatre è in Inglese e Francese. In Italiano troverete :

Presentazionde di PANTHEATRE

COMMENTI

ARTICOLI in ITALIANO

MILANO 1 2 3 dicembre 2017

Enrique Pardo   /   Teatro Coreografico

Scaramanzia

"Repertorio di gesti, parole, atteggiamenti e oggetti a cui si attribuisce il potere di scongiurare malefici e disgrazie o di propiziare il destino..."

Propiziare un teatro coreografico metaforico, indiretto, oblicuo, geniale (genius, ingenius, ingeniero in scaramzia.)

Dentro d’un teatro coreografico l'accento sarà posto sulla scaramzia vocale (Roy Hart) e sull potere mitologico della musica. Portare un testo di lavoro memorizzato, circa 200 parole. (Questo non è obligatorio, ma la piu bella scaramzia e linguistica!) Consoltare www.pantheatre.com/pdf/2-textes.pdf (francese o inglese)

ASSOCIAZIONE CULTURALE SCIMMIE NUDE
TEATRO D'INDAGINE SULL'UOMO

Compagnia teatrale e Scuola di teatro

c/o SPAZIO SCIMMIE NUDE • PIAZZA PEREGO 11, MILANO
info@scimmienude.com  • tel. 02-45541447  • 347-3779984

ARCHIVIO

teatro coreografico / performance vocale

Enrique Pardo

PANTHEATRE / ROY HART PARIS

La metodologia di teatro fisico proposta da Enrique Pardo – lui preferisce il termine “teatro coreografico” – fa esplodere l'interpretazione dei testi, incorporandole nelle maglie coreografiche: il linguaggio si trasforma in una componente poetica dell'immagine e non è più il sovrano teatrale, mentre la voce raccoglie ed esprime l'emozione.
 
Enrique, oltre regista e attore, è professore di voce e solista vocale. Ha lavorato con Roy Hart ed è membro del Centro Roy Hart.

TORINO   MAESTRALE    2017

Cantiere Teatrale di Alta Formazione.
Enrique Pardo & Linda Wise.

8 - 16 luglio 2017 : Il teatro coreografico

Un progetto di Piccola Compagnia della Magnolia. 8 artisti ospiti per una serie di workshop tra giugno e ottobre 2017. A seguito di una selezione.

Informazione
Torino

TRIESTE

Workshop con Enrique Pardo
Teatro coreografico e performance vocale

22 23 24 GENNAIO 2016

informazione
Antonio Innocente

Con un incontro / conferenza intorno a "Eros e Psiche"
Sabato 23 gennaio

"L'asino più famoso di tutti è certamente L'Asino d'Oro, di Apuleio (scritto intorno 150DC), considerato il primo romanzo nella nostra storia, e chi racconta l'amore di Eros e Psiche, considerato, lui, l'ultimo mito pagano. Il dio Pan (da dove: Pantheatre) detiene un secondo ruolo eccezionale. James Hillman ha visto in questa storia Il Mito dell'Analisi (Adelphi). Il romanzo di Apuleio è in fatto intitolato "Metamorfosi", ed è Sant'Agostino che, per insultarlo, lo a chiamato L'Asino d'Oro! Una serata di pettegolezze di alto livello!" EP

MILANO

Workshop con Enrique Pardo
Teatro coreografico

15 16 17 APRILE 2016

Teatro dell Vigentino
Isabella Cremonisi

Molti anni fa sono stato invitato a Seattle-USA per una riunione, la mia prima, di sport teatro. Volevano incontrare la mia, molto diversa, filosofia dell'improvvisazione. Keith Johnston era lì. Ogni forma di teatro ha il suo dio o la sua dea. E ci sono asini in un bel po 'di loro. Ho scoperto che Isabella stava lavorando con gli asini, così le ho mandato una immagine dalla Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna: il sacrificio di un asino a Priapo. Oggi Priapo è per lo più in carcere, arrestato per esibizionismo. Nella mitologia si garantiscono  grandi risate e grandi erezioni, non necessariamente fertili, si suppone per proteggere i raccolti: lui è lo spaventapasseri ityphalico!. Ma se le colture sono cattive, i contadini gli lanciano pomodori, cavoli e frutti marci. Insultano e frustano le sue statue! Nei match d'improvvisazione teatrale  di Isabella, il pubblico getta ciabatte ai protagonisti! Si tratta di un rito priapico!
Stavo effettivamente leggendo sul più famoso asino di tutti: L'Asino d'Oro di Apuleio. E 'il mito di  chiusura del paganesimo, in esso appare l'incredibile storia di Amore e Psiche, è il primo romanzo! ed il titolo del nostro Festival Mito e Teatro a luglio prossimo. Saranno questi i nostri referimenti per Milano 2016.

Il Teatro del Vigentino di Milano ospita dal 2006 seminari di TEATRO COREOGRAFICO & PERFORMANCE VOCALE con Enrique Pardo.

SEMINARI FATTI
Novembre 2006 a tema “Geniu Locii”
Maggio Ottobre 2008 a tema “Alchimia”
Novembre 2009 / Ottobre 2010
Febbraio 2011 a tema  “Tragedia-Post Tragedia”
Novembre 2011 a tema Satiro e Satira
Novembre 2012 a tema Krisis
2013 / 14 a tema "Spiriti"

Coordinatrice  Isabella Cremonesi  / Teatro del Vigentino 

Spiriti

estratto da un dipinto di Enrique Pardo

Ercole

Tema 2013 - 2014

SPIRITI

 

“Presenza (di spiriti)”
TEMA   2013-2014

Il laboratorio di Milano si svolge tra due punti di riferimento: SPIRITI e SOGNI.
SPIRITI è stato il tema del Festival Mito e Teatro 2013, il principale laboratorio teatrale e culturale di Enrique Pardo e del Pantheatre.
Questo lavoro propone i tre livelli di presenza teatrale (che è un concetto culto nell’ teatro ! ) :
1 Presenza fisica- un senso di messa a terra nel presente, “essere lì”, e della sua proiezione   
   (nel senso alchemico, tra cui la legendaria "multiplicatio").
    Le parole chiave sono : carisma, energia, verità, coraggio .
2 Presenza di spirito - la capacità di adattarsi a tutte le situazioni.
   Le parole chiave sono : velocità, ludicità (vivacità e astuzia), inventività, originalità.
   Essere mercuriale (l’Italia è la patria delle mobilità dell’ Arlecchino…)
3 Presenza di SPIRITI – quello che interessa di piu Enrique: quando gli spiriti girano sul palco scenico (personaggi, ricordi, antenati, amanti futuri, ecc.) ed  entriamo nello spiritismo (o è la spiritualità ?)

Enrique commenterà il suo lavoro di TEATRO COREOGRAFICO da queste idee.
Il lavoro, come al solito, comprende movimento e danza, coreografie di gruppo, voce e canto e lavorare con i testi.
Nell’ estate 2014 il tema dell Festival Mito e Teatro sarà SOGNI (a luglio a Malérargues – Centro Roy Hart – sud della Francia.)

CRISI

Archivio 2012 - 2013

KRISIS

 

Fare una bella krisis è forse quello che cerchiamo di più nel teatro.
Crisi tragica o comica; o, meglio, le due insieme!
Una crisi è un momento critico, e non c’è teatro senza critica, soprattutto quella che ci porta a un “stato critico”, spesso vicino alla catastrofe.
Con la crisi arriva la terapia.
Pensate a James Hillman : terapia = cura dell' anima.
Non si costruisce anima senza crisi.
Per lui la "cura" era piuttosto di tipo lavorazione del prosciutto!
Oggi c'è una moda che dice che in cinese crisis = pericolo + opportunità.
Falso, ma interessante (vedete il bellissimo articolo su
http://www.pinyin.info/chinese/crisis.html.)
Il francese propone una sequenza stupenda: crise, critique, cri.
Anche falsa, ma interessantissima perché dice che non c’è crisis critica senza “cri”.
In fato il “cri” deriva dal grido romano – l’allarme ai cittadini.
Qui, crisis = allarme + grido.
Penso che a Roy Hart (il gran guru nostro della voce) li sarebbe piaciuto questa “falsa etimologia”!
In più c’e panico in tutto questo, e dunque il dio Pan e Pantheatre.
Metteremo in crisi il teatro coreografico e i testi, attraverso la voce e il grido.
Come godersi una crisi.
Un altro gran guru ethno-magico, Marcel Mauss, diceva :
“la crisi è una condizione in cui le cose irregolari sono la regola e le cose regolari impossibili.”

Tiepolo

Archivio Aprile 2012

Satiro / Satira

Attenzione : coppia pericolosa ! Satiro e Satira non sono sposi, neanche fratello e sorella. E’ una falsa coppia: si sono trovati insieme per confusione storica, e hanno approfittato per fare fortuna.

Satiro: creatura inventata dalla mitologia greca, mezzo umano, mezzo animale – generalmente cavallo, asino o capro. I Satiri non lasciano in pace le ninfe nè le menadi.

Satira: invenzione romana: “satura tota nostra est” (Quintiliano). La Satira non lascia in pace nessuno, soprattutto la gente di potere. Etimologicamente, viene da satura e dall’espressione lanx satura – un piatto “saturato” di frutti diversi... La satira pretende di discendere della vecchia commedia satirica greca – quella di Aristofane. Anche Apuleio fa parte di questa malversazione.

Satiro e Satira ci portano in un territorio pastorale limitrofo, pericoloso e decisamente XXX: per adulti e adulteri. Siamo nella commedia? Certo: si può morire dal ridere. Questa coppia ha un intelligenza (o forse un’ignoranza) feroce, caustica, sarcastica, sardonica, cinica, soprattutto nell’ambito sessuale. Rari sono i clowns (sopra tutto quelli naif e vergini) che sopravvivono al loro feroce paesaggio buffonesco. Siamo nel lato oscuro, panico, dell’Arcadia, nella zona d’ombra del ‘teatro di Pan’.

Roberto Calasso nel suo geniale ed elegantisimo libro, “Il Rosa Tiepolo”, sembra non vedere il daimon “satirico” del Tiepolo. Guardate bene: cosa c’è dietro il “ghigno” del Satiro? Cosa fa la Satiressa ? Cosa sta dicendo al bambino satiro?

famiglia

UN LABORATORIO
Ecco un laboratorio, di tipo piuttosto “famiglia”: tutti al lavoro, ognuno al suo compito... Ci sono anche i bambini. Il nonno si occupa, lui,  dell’“Oratorio” (memoria, cultura, critica.) Ma, se guardate bene, ci sono alcuni che sembrano non “lavorare”

coppia

A sinistra, sopra gli altri, c’e una coppia in “tête à tête”… e, sotto, in fondo, un uomo che li guarda.
Ecco une lettura alchemica : tutta la famiglia sta di fatto lavorando sull’ erotismo della coppia e sulla possibile GELOSIA o LUSSURIA dell’ uomo alla finestra. Come contenerla? come trasformarla?
Ognuno trova il suo posto, la sua contribuzione coreografica. questa sarebbe l’alchimia d’un teatro coreografico.

Enrique Pardo

 

 

 

PARIGI -  ROY HART PARIS

MALERARGUES
Centro Roy Hart

PRESENTAZIONE

Training Profezionale  /   Weekends   /   Symposium   /   Festival Mito e Teatre

PANTHEATRE
ROY HART

 

definizioni & storia

Teatro Coreografico

La metodologia di teatro fisico proposta da Enrique Pardo – lui preferisce il termine “teatro coreografico” – fa esplodere l'interpretazione dei testi, incorporandole nelle maglie coreografiche: il linguaggio si trasforma in una componente poetica dell'immagine e non è più il sovrano teatrale, mentre la voce raccoglie ed esprime l'emozione.


Performance Vocale

“Esplorare la propria voce, i suoi margini di possibilità richiede non soltanto un impegno attento e considerato, ma anche un certo coraggio emotivo e immaginativo. E’ un’avventura strabiliante nella sua libertà e diversità, e non solo confinabile ad escursioni folli od eroiche, esilaranti come questi viaggi potrebbero essere. L’esplorazione potrebbe essere lunare, lirica o deliziosamente triste. Potrebbe far arrivare fantasmi inaspettati e ricordi, incontri emozionanti, oppure spaventare. In sintesi: ad ogni persona e ad ogni luogo la propria immaginazione e musicalità”     Linda Wise

ARTICOLI in ITALIANO

due articoli di Enrique Pardo tradotti da Olivia Volpi:

"I Profeti Francesi" Preludio alla Università d'Estate 2005 - Sul tema "Miti della Voce"

 

"Figure della voce. Descrizione della voce: oggetto, soggetto, progetto"

Strategie nell'uso delle tecniche di ampliamento dei registri vocali in relazione al linguaggio e al testo.

Festival Mito e Teatro

Presentazione generale

Editoriale "Scheherazade / e la sua voce oggi" 2008, EMOZIONE 2009


COMMENTI

Presentazione generale: una lettera di Linda Wise

"Fino a non molti anni fa i training sulla voce si rivolgevano principalmente ad artisti. Ora la voce - e la capacità di "darsi voce" - è riconosciuta come un aspetto essenziale dello sviluppo personale. Per gli artisti professionisti vi è una maggior domanda di flessibilità circa la specializzazione della voce, poichè ai professionisti viene chiesto di muoversi dal teatro classico, al musical, al teatro-danza, dal cinema alla televisione e a nuove forme di canto, dal rock all'opera contemporanea.

Il programma che presento nasce dalla mia esperienza come attrice e regista teatrale con la coscienza che ogni più profonda fonte di creatività del mio lavoro è la voce. Nel corso della mia carriera ho dato continuamente lezioni di voce ad un numero svariato di persone: dai cantanti d'opera, ad attori, ballerini, adolescenti, manager, a gente che diceva di "non avere voce" o di "essere stonato".

Il mio approccio alla voce ha radici nel lavoro con Roy Hart e il Roy Hart Theatre negli anni 70 e 80 relativizzato e arricchito dall'esperienza e dall' osservazione di altri insegnanti e discipline. L'esplosione dell'interesse e della conoscenza intorno alla voce negli ultimi anni ha cambiato i punti di vista e provocato una rivalutazione dei metodi e delle filosofie. E' mio desiderio creare un training che indirizzi queste domande, che incoraggi uno spirito di ricerca, dove la priorità è l'individuo e non il metodo."

Commento di Giovanna Lué - attrice e produttrice di

"Giasone e Medea, Postmortem", Milano 1999

"E' bello scoprire che tornare a lavorare con te, mi procura sempre un grande piacere. A big eccitazione corpore e psichica. For me is like come back to a zone where visibile and invisibile co-abitano. Uno straordinario contenitore in cui una varietà di "livelli" possono incontrarsi, mixare, giocare, combinarsi tra loro. Il piacere di ROMPERE , di spiazzare.

Quando l'identificazione si cristallizza troppo, e si compiace ahhah...un bello sgambetto! E che dire della possibilità to speak another linguaggio: "la lingua salvata degli dei"...I have a strange sensazione when I come in nello spazio. Una sensazione di gioia che si rinnova sempre: "la gioia di entrare in un territorio dove ci sono continue nascite e dove la morte è costantemente celebrata"

nulla fuori -tutto fuori

tutto dentro -nulla dentro

stesso valore ad ogni cosa riconosciuta nel suo valore

di continuo

movimento

Yes I have just to say it....ho goduto infinitamente!"

TRADUZIONE IN ITALIANO DEL CONTENUTO DELLA BROCHURE DI PRESENTAZIONE

 

Voice Performance

La parola « performance » non si riferisce solamente a "spettacolo, rappresentazione, numero, interpretazione", ma include anche la nozione di "attuazione" (e il suo aspetto di "rendimento, disimpegno, esecuzione.") Al giorno d'oggi nel mondo anglosassone esiste una separazione (quasi un divorzio!) tra "teatro" e "performance", soprattutto nell'ambito universitario, chiamato "Performance Studies".

ACTS = Acting Choreographic Theatre Singing  /  Recitare Teatro Coreografico Canto

 

PANTHEATRE ACTS è un contesto di formazione professionale per attori, cantanti e ballerini (e 'circensi')

Un quadro di riconversione professionale e di sviluppo personale. Un contesto 'post-universitario' dove le tecniche acquisite - sceniche e altre - possono essere sfidate e sviluppate attraverso studi culturali e attraverso il rischio della "performance" (messa in scena, montaggio artistico).

Ciascun partecipante sceglie l'enfasi e il planning del suo programma:

  • Voce : include l'approccio Roy Hart dell'estension dei registri, timbri e della tessitura vocali.
  • Canto : interpretazione e improvvisazione, da bel canto a hell canto, con una formazione musicale di base per i principianti in musica.
  • Corpo : coscienza e presenza corporali, danza, gestualità.
  • Attore : emozione, testi e tecniche di dissociazione.
  • Teatro coreografico. : lavoro di guppo (« ensemble ») che integra movimento, linguaggio e voce.
  • Studi Culturali : immagini, critica e mitologia.
  • Spettacoli : concerti, improvvisazioni, work in progress.

Il lavoro di ricerca e 'performance' vocale si basa su due principi complementari : finezza tecnica e rischio espressivo.
Cerca di mettere in valore il genio personale, la musicalità e il carattere, cosí come la pertinenza (o impertinenza) di cio che si vuole dire, sia con parole, gesti, canto, immagini, grida, silenzio, o la loro sintesi nel teatro coreografico.

Direttori Artistici: Enrique Pardo e Linda Wise

La formazione se svolge con corsi di voce, lezioni settimanali e stages di più giorni o settimane.

Un Grande Stage Professionale annuo di 5 a 8 settimane a tempo pieno si svolge a Parigi in ottobre / novembre.

PANTHEATRE / ROY HART
Fondata nel 1981, PANTHEATRE fu la prima compagnia indipendente a sorgere dal Roy Hart Theatre (1969 - 1989). I direttori sono membri copropietari del Centro Roy Hart (Château de Malérargues, Sud della Francia).

Hypnero